notizie

I Assemblea Provinciale dei Giovani: fase locale

Le opere educative parte di Maristi Mediterranea in Siria, Libano, Italia e Spagna stanno portando avanti la prima fase di un processo avviato dalla Provincia per riflettere sul benessere e la protezione dei bambini e degli adolescenti nei nostri ambienti educativi. Quasi 3.000 bambini, ragazzi e giovani provenienti dalle opere mariste di Siria, Libano, Italia e Spagna hanno iniziato un percorso alla fine del 2023 per contribuire ad aiutare i centri e le scuole mariste che frequentano nella riflessione sul benessere e la protezione dei minori. Nella prima fase locale, che si è da poco conclusa, gli studenti hanno partecipato a un'indagine per analizzare la realtà in cui vivono e a riflessioni di gruppo su proposte per migliorare il benessere, la convivenza e la protezione dei più piccoli negli ambienti maristi. Questa fase si è conclusa con l'individuazione di possibili linee di azione future e l'elezione di giovani rappresentanti di ogni centro. La partecipazione dei ragazzi in ogni paese è stata la seguente: Siria (55), Italia (196), Libano (769), Spagna (1.787). Questi dati sono proporzionali al numero di bambini e giovani presenti nelle opere mariste in ciascun luogo. L'età dei partecipanti è compresa tra i 13 e i 15 anni. Sia i giovani rappresentanti che gli educatori che li accompagnano hanno partecipato (o lo faranno presto) a degli incontri online (14 e 23 marzo, 4 aprile) in modo da poter conoscere i ragazzi coinvolti nel processo da altre città ed essere introdotti alle dinamiche dell'assemblea internazionale. Il prossimo passo è infatti la partecipazione ad una fase internazionale, che si terrà contemporaneamente dal 19 al 23 aprile 2024 in due sedi: Faraya (per ragazzi e ragazze dalla Siria e dal Libano) e Madrid (per partecipanti di Italia e Spagna). Diversi studenti di ogni centro, accompagnati da un educatore, riporteranno le loro riflessioni locali a un'assemblea più ampia di giovani, con l'idea di raggiungere un consenso su proposte concrete che aiutino a garantire i diritti dei minori e le misure di protezione che li riguardano nelle opere mariste. Questa assemblea ha uno slogan che è tutta una dichiarazione di intenti nei confronti dei nostri bambini e giovani: "la tua voce conta" (che sarà anche l'hashtag per la promozione dell'evento e la diffusione dei suoi risultati). Questo processo è collegato all'iniziativa del Consiglio Generale "Alzati, Dai la tua opinione e Partecipa", che è stata riattivata in questi giorni con la diffusione di una guida per rendere concreto il diritto dei nostri bambini e ragazzi a partecipare attivamente alle questioni che li riguardano. Le conclusioni di questa prima Assemblea Provinciale dei Giovani contribuiranno alla progettazione di linee strategiche che rafforzeranno la missione marista nel mondo, soprattutto per quanto riguarda la promozione e la protezione dei diritti dei

Vedere di più

notizie

Premi ‘La Valla’ 2023

L'Equipe Provinciale di Educazione ha assegnato i premi ‘La Valla’ di quest'anno, che riconoscono l'innovazione e le buone pratiche nelle nostre opere educative L'Equipe di Educazione della Provincia Mediterranea ha annunciato i premi ‘La Valla’ 2023, che riconoscono l'innovazione e le buone pratiche nelle nostre opere educative.              In particolare, questa nuova edizione dei premi ‘La Valla’ ha messo in luce l’ottimo lavoro pedagogico svolto durante lo scorso anno in sei delle nostre scuole. Sono stati assegnati sette riconoscimenti: uno per le buone pratiche educative, tre premi per l'infanzia e la primaria, e altrettanti per la scuola secondaria.              Il nostro delegato provinciale di Educazione, Juan García, ci racconta che sono stati presentati 27 lavori in totale, sia dalla Spagna che dall'Italia. Riprendendo le sue parole, “ringraziamo tutti i partecipanti per aver condiviso le loro esperienze pedagogiche, che sono state fonte di grande soddisfazione per tutta la famiglia educativa della Provincia Mediterranea”.              I vincitori sono stati i seguenti progetti. Per l'infanzia e la primaria, "Inclusione: Stazioni di Apprendimento" dei Maristi di Jaén (primo premio); "Una trasformazione col sorriso e con il cuore" dei Maristi di Sanlúcar la Mayor (secondo premio); "Missione Antartide" dei Maristi di Cartagena (terzo premio). Per la scuola secondaria, "Liberi contro le mafie" dei Maristi di Giugliano (primo premio); "Viaggiamo nel tempo" dei Maristi di Granada (secondo premio); "Salvando il Natale" sempre dei Maristi di Cartagena (terzo premio). Oltre a questi premi, la scuola dei Maristi di Algemesí ha ottenuto il riconoscimento delle buone pratiche educative per la sua iniziativa #aMaristesAmbBici. “Abbiamo imparato qualcosa da tutti i progetti e abbiamo notato l'eccellente lavoro didattico, la creatività, la generosità e l'entusiasmo con cui i nostri educatori svolgono la loro missione educativa ogni giorno nei loro centri. Li incoraggiamo a continuare a condividerla”, ha aggiunto Juan García. I lavori presentati saranno a disposizione di tutti gli insegnanti della Provincia Mediterranea per essere consultati e

Vedere di più

notizie

Quaresima 2023: Forti di Cuore

Inizia la Quaresima, un periodo liturgico di preparazione personale e comunitaria che porta alla celebrazione della Passione, Morte e Risurrezione di Gesù Inizia la Quaresima. E siamo invitati a concentrarci sul particolare (è un incontro personale con Dio e con la nostra vita) e sul rinnovamento (per completare il processo di "cambiamento  conversione  vita"). A nostra volta, abbiamo spesso bisogno, in molte occasioni, del perdono e della misericordia per ricominciare (accettare, riconciliarci, perdonare e perdonarci...). Quest'anno, a Maristas Mediterránea abbiamo scelto "Forte di cuore" come motto specifico che ci accompagnerà per tutta la Quaresima 2023. Questa espressione è legata al nostro motto centrale del corso -Smile from the Heart- e tutto ciò che significa e comporta è stato elaborato dall'Equipe Pastorale Provinciale (EPP). E diciamo questo motto quaresimale al plurale perché abbiamo la forza di sentirci accompagnati dalla comunità, dagli amici, dalla famiglia, dalla scuola, ecc. A questo proposito, chiediamo a Gesù di essere forti in due modi durante queste settimane. Da un lato, che miglioriamo il nostro cuore (la nostra capacità di sentire, di essere sensibili... in breve, di amare). Dall'altro, che ci prepariamo a essere forti nelle avversità (situazioni di ingiustizia, solitudine, malattia, morte...) e ad aiutare gli altri a essere forti. ⚠️ Attenzione, spoiler! ⚠️ Tutto questo per scoprire che la nostra vera forza è in Dio e nella comunità. Siamo in un periodo speciale in cui, allo stesso modo, dobbiamo prenderci cura di noi stessi - dentro e fuori - e concentrarci sulla cosa più importante: il cuore. E iniziamo tutto questo oggi, Mercoledì delle Ceneri, quando celebreremo nelle nostre opere la corrispondente Eucaristia come un autentico ringraziamento, riponendo la nostra fiducia in Gesù, che cammina con noi in questa Quaresima; e grati per tutto ciò che Dio cambia nella nostra vita per renderla più piena. Fratelli e laici; studenti, chiostri, famiglie... Tutte le persone che compongono la grande famiglia marista di Mediterránea celebrano questa stagione con la gioia di mettersi in cammino verso la Pasqua e chiediamo al Dio della vita di cambiare il nostro lutto in danza, la nostra tristezza in gioia, le nostre pratiche quaresimali abituali in impegni reali per umanizzare il nostro mondo e il nostro egoismo in amore di donazione. Cinque domeniche, cinque elementi Riprendendo il motto quaresimale, insieme al "Forte di cuore", tutte le immagini e i disegni, così come la programmazione pastorale di queste settimane, presentano gli elementi classici di questa stagione: - l'elemosina (che significa dare, condividere) - la preghiera (che deve essere autentica, individuale e comunitaria) - il digiuno (inteso come sacrificio per qualcosa, privazione, allenamento) - la conversione (che richiede un cambiamento personale) - la carità (che è sinonimo di amore, amare). In tutto, cinque elementi, come le cinque domeniche di Quaresima, ma anche come i giorni feriali. E, infatti, nelle preghiere quotidiane preparate dal PPE, si propone di evidenziare uno di essi in modo diverso dal lunedì al venerdì. Accanto a queste idee principali, molte altre legate a questi elementi possono nascere in questi momenti di celebrazione comunitaria. In Quaresima siamo invitati a compiere questi tipi di riti o pratiche ad essi collegati ma, prima di tutto, che qualsiasi cosa si faccia, sia fatta con sincerità e autenticità. Ricordiamo che ciò che piace veramente a Dio è ciò che viene da dentro di noi, senza cercare applausi o riconoscimenti. Oggi iniziamo, come si suol dire, con l'imposizione delle Ceneri, un rito classico ma che può essere una novità in quanto ci rendiamo conto che abbiamo bisogno di essere più in contatto con noi stessi, con Dio e con gli altri. Perché si tratta di guardare dentro di noi per vedere le debolezze e le imperfezioni, ma anche di riconoscere i punti di forza e i talenti che ho e quelli che gli altri possono portare a me... e a Dio. La Quaresima ci prepara alla grande sfida della Croce, una situazione che ci richiederà di essere "forti di cuore". Quindi è meglio iniziare il nostro allenamento. Da Maristas Mediterránea ci auguriamo di vivere la Quaresima come un'autentica opportunità di cambiamento nella nostra vita, chiedendo a Dio di aiutarci a viverla con gioia, impegno e incontro personale con

Vedere di più

notizie

Un caffè con le nostre opere sociali

Maristas Mediterránea promuove il lavoro della Fondazione Marcellino Champagnat e della Fondazione Siamo Mediterraneo attraverso un colloquio virtuale organizzato dalla Pontificia Università di Salamanca Il prossimo giovedì 23 febbraio, a partire dalle ore 18.00 (ora spagnola), conosceremo meglio l'attività e la realtà della Fondazione Marcellino Champagnat e della Fondazione Siamo Mediterraneo, entrambe della Provincia Marista di Mediterránea, attraverso un incontro online organizzato dalla Pontificia Università di Salamanca (UPSA). L'iniziativa, aperta alla presenza e alla partecipazione virtuale di tutti coloro che sono interessati, si intitola "Opere sociali mariste del Mediterránea" e fa parte della XIV edizione dei Cicli di Café-Colloquia promossi dall'Istituto di Studi Maristi (IEM), a sua volta parte dell'UPSA. Cinque persone daranno la loro testimonianza sulla vita e la missione di queste entità mariste, la Fondazione e la Fondazione, che operano rispettivamente in Spagna e in Italia. Allo stesso modo, i loro interventi ci aiuteranno a conoscere i loro obiettivi e le loro esigenze. Tutto ciò contribuirà a generare riflessioni sull'azione e sulla vocazione sociale in ambienti e realtà diverse. Alejandro, Alicia, Irene, Carmen e Matteo, i cinque dei partecipanti al caffè-colloquio dell'Istituto di Studi Maristi (IEM). Alejandro Matías, pedagogista, membro dell'Equipe Provinciale di Solidarietà di Maristas Mediterránea (EPS) e direttore della Fondazione Marcellino Champagnat (FMCh), parlerà soprattutto di quest'ultima istituzione. Carmen Cuesta, anch'essa educatrice e coordinatrice di progetti socio-educativi, di inserimento lavorativo e di accompagnamento della diversità funzionale, illustrerà gli aspetti del Centro socio-educativo e di inserimento lavorativo della FMCh. Irene Fernández-Mayoralas, psicologa dell'"Hogar Champagnat", si concentrerà sulle questioni relative a questo centro per minori affidato alla FMCh a Torrente (Valencia). Alicia Gómez, assistente sociale e coordinatrice della sezione FMCh di Torrente, parlerà della situazione attuale della Scuola di Laboratorio FMCh, anch'essa situata a Torrente. Matteo Mennini, membro dell'Equipe Provinciale di Solidarietà (EPS) dell'area italiana e segretario generale della Fondazione Siamo Mediterraneo, ne parlerà. L'incontro è accessibile online attraverso il codice QR che accompagna l'immagine della locandina che appare in questa notizia. Per qualsiasi altra informazione, è possibile consultare i profili ufficiali dei social media dell'Istituto di Studi Maristi (@IEM_UPSA) e della Provincia dei Maristi Mediterranea (@MaristasMedit). È inoltre possibile scrivere all'IEM stesso all'indirizzo

Vedere di più

notizie

LETTERA APERTA (Fr. Aureliano)

HEART MADE «Amerai il Signore, Dio tuo, con tutto il tuo cuore, con tutta la tua mente, con tutto te stesso. Questo comandamento è il principale e il primo. Il secondo è simile a questo: “Amerai il prossimo tuo come te stesso.” Questi due comandamenti sostengono la Legge intera e i profeti.» (Mt.22,37-40) Ai maristi di Champagnat della Provincia Mediterranea Appena due giorni fa ho terminato la visita ai Maristi Azzurri di Aleppo, accompagnato dal fratel Manuel Jorques. Abbiamo avuto l’opportunità di condividere le loro vite per otto giorni e siamo stati testimoni di un’enorme manifestazione di azioni solidali. Sono state giornate intense e di grande ascolto. Abbiamo toccato il dramma delle vite spezzate dalla barbarie della guerra. Sono tante…! Ci siamo riuniti con un gruppo di circa 150 uomini e donne, giovani nella loro maggioranza, che organizzano e coordinano i numerosi progetti con i quali i Maristi Blu seminano di speranza le strade e le case di Aleppo. Abbiamo ascoltato educatori, assistenti dei diversi gruppi, scouts, bambini, giovani e beneficiari dei progetti di solidarietà.Non è facile fare una cronaca di questi giorni così intensi, né tantomeno esprimere in modo comprensibile un così grande miscuglio di sentimenti. Però non c’è un migliore momento di questo, l’inizio dell’Avvento, per condividere alcune cose di questa visita così piena di emozioni, di vita che attendono con speranza e di momenti d’incontro. Tra la gente Come Maristi siamo presenti in Siria dal 1904 e la nostra missione si è svolta tra Scuole e Opere Sociali. Adattandoci alla realtà sociale del paese, abbiamo risposto con creatività alle necessità di ogni momento storico. Quando nel 2011 è cominciata la guerra, i fratelli hanno deciso di rimanere e riorientare tutta la loro missione per servire coloro che soffrivano le conseguenze del conflitto armato. Un gruppo, ogni volta più numeroso di giovani e non tanto giovani, si unisce a questo progetto e nel 2012 nasce il movimento dei Maristi Blu. Cominciano ad organizzarsi e rispondere alle necessità concrete della gente: famiglie le cui dimore sono state bombardate e distrutte, migliaia di profughi, feriti di guerra, bambini e anziani soli, persone che hanno perso i loro affari e il loro lavoro, mancanza di servizi sanitari e educativi, difficoltà di accesso all’acqua potabile e all’elettricità, paura, solitudine, insicurezza, perdita di familiari e amici, ecc. Rispondendo a tutte queste necessità nascono i programmi di solidarietà, che sono cambiati e si sono adattati alle necessità del momento. Oggi si apprezzano i progetti educativi con i più piccoli, la consegna di ceste di alimenti, la distribuzione di cibo caldo per anziani che vivono nella solitudine e nell’estrema povertà, la distribuzione di latte per i lattanti e per i minori di 10 anni, i microprogetti e i macro-progetti rivolti all’inserimento lavorativo, movimenti scouts, ecc. Abbiamo conosciuto praticamente tutti; se seguite le “Lettere da Aleppo”, avrete un’informazione molto dettagliata di ognuno di essi. Abbiamo ascoltato i giovani che li organizzano. Abbiamo guardato negli occhi dei bambini e degli adulti che beneficiano di questi progetti. È molto difficile ascoltare le loro storie e non piangere. Tutti loro hanno perso molto da quando è cominciata la guerra, però lottano, vibrano e vivono con la speranza di un futuro migliore. I Maristi Blu sono lì, tra la gente. Sono lì e si fanno vicini. Operano e rispondono alle necessità reali. Maristi Blu Ad Aleppo, il blu è il colore scelto per parlare della solidarietà. È il colore del mare immenso e del cielo senza fine. L’azione solidale dei Maristi è Blu e giunge oggi a migliaia di persone. I Maristi Blu sono una referenza e la loro generosità ha una grande forza ispiratrice sia dentro che fuori della Siria.Grazie ad ognuno di voi, carissimi volontari! Sentitevi tutti compresi se ricordo fratel Georges Hakim. Ho avuto l’occasione di andare al cimitero e pregare davanti alla sua tomba. E, con il suono di fondo de alcuni bombardamenti lontani, ho ringraziato Dio perché la sua vita ha reso più visibile la bontà di Dio nel nostro mondo. La sua presenza discreta e affettuosa ha lasciato un’impronta nelle nostre vite e in quelle di molte persone di Aleppo.Grazie al fratel Georges Sabé, a Nabil Antaki e Leyla, a Bahjat Azrie e a tutti quelli che disimpegnano una funzione di animazione e di leadership.La Vostra presenza è la presenza della Chiesa a fianco di chi soffre. La Vostra missione rende visibili i seguaci di Gesù nella terra in cui nacquero le prime comunità cristiane all’inizio della nostra era. La Vostra vita quotidiana è, senza dubbio, un impegno per il dialogo e la fraternità con il mondo musulmano. Grazie! Guardando al futuro La maggior parte dei giovani che abbiamo incontrato sono cristiani universitari, anche se talvolta alcuni sono musulmani. Studiano o hanno terminato di studiare medicina, economia, ingegneria, farmacia, magistero, psicologia, ecc. La maggior parte di essi sognano di andare via dal paese in qualsiasi altro luogo che offra loro un futuro più prospero. Non è un tema così facile da orientare… Papa Francesco ha ripetuto in numerose occasioni la sua preoccupazione “per la tragica diminuzione dei cristiani in tutto il Medio Oriente, che suppone un danno incalcolabile non solo per le persone e le comunità colpite, ma per la stessa società che lasciano”. (Visita del Papa in Iraq nel luglio 2018). In questa stessa linea sento profondamente che non è il tempo di rinchiudersi né di diminuire la nostra presenza marista in Libano e Siria. I due paesi stanno passando un momento storico di grande difficoltà, come le nostre opere educative e sociali. Non è il tempo di chiudersi, ma di aprirsi: “Cosa possiamo fare di più? Come possiamo rafforzare la nostra presenza in Libano e Siria?”. Vi invito ancora una volta a portare tutto questo nella preghiera e a cercare diverse forme di aiuto e collaborazione ai Maristi Blu che possano includere, anche, l’offerta di far parte di questa comunità per un certo tempo. Faccio un invito aperto a tutti i fratelli e laici della Provincia Mediterranea e di altri luoghi dell’Istituto. È tempo di creatività e di generosità. Heart made Il “Zoco” di Aleppo era il mercato tradizionale sotto il tetto più grande del mondo. Un formicaio di genti di ogni tipo: commercianti, compratori, turisti… Centinaia di tende distribuite ai lati di strette e lunghe vie dove si potevano trovare i migliori prodotti dell’Asia e del Medio Oriente: sete dell’Iran, spezie dell’India, lana, rame, ecc. In molte delle sue tende esistevano ancora delle scuole artigianali dove si insegnavano antichi mestieri, ancora praticati ad Aleppo. Però è giunta la guerra e le bombe hanno trasformato questa meraviglia architettonica in macerie. Da qui, da queste macerie del Zoco coperto di Al-Madina, nasce il progetto “Heart made” dei Maristi Blu. Tra le rovine del mercato hanno cominciato a raccogliere scampoli di tele di molteplici colori e tessiture. E a queste hanno aggiunto altre tele di vestiti di seconda mano, all’occasione tele piccole e apparentemente inutili. Però tutte hanno trovato il loro posto e la loro utilità. Oggi “Heart made” è più che un progetto di riciclaggio di vestiti; è un marchio con un nome, un design moderno e tanta creatività. Si tratta di un laboratorio con grandi professionalità dove un gruppo di donne lavora e vive con dignità elaborando prodotti con il cuore, “Heart made”. Qualsiasi cosa ha un valore, qualsiasi scarto apparentemente “usa e getta” è utile per una buona ragione. Ciò che conta è la cura con cui il tessuto viene toccato e modellato il rapporto umano delle donne che lavorano. Importa la dignità, il pane e il futuro. Il prodotto ultimo è molto più di un vestito. Tutto quello che da lì esce è “fatto con il cuore”. Scelgo questa immagine espressiva e profonda per spiegare ciò che ho sentito in questi otto giorni ad Aleppo. “Heart made” parla di identità e di quanto di più genuino c’è nei Maristi Blu. Nel 2012, quando scoppiò la guerra ad Aleppo, i Maristi avevano una missione in un quartiere che i cristiani chiamano “Djabal Al Sayde”, “la collina di Nostra Signora”. Vivevano e continuano a vivere all’interno del complesso della vecchia Scuola “Champagnat” nel quartiere “Al Mohafaza”, ubicato al nordovest della città. La Scuola è stata nazionalizzata nel 1967, però i fratelli sono rimasti nella parte dell’edificio destinato alla comunità. È qui dove confluiscono tutte le attività dei Maristi Blu. In un contesto urbano dove è impossibile nascondere la devastazione e il non-senso della guerra, questa casa si alza como un vessillo di speranza. Che lei, la Buona Madre alla quale Champagnat ci insegnò a rivolgerci accompagni ognuno dei nostri passi e rafforzi lo spirito dei Maristi Blu di Aleppo.Un abbraccio a tutti voi, Fr. Aureliano García ManzanalAlicante, 27 novembre

Vedere di più